Reginelle Siciliane

Le reginelle siciliane o regina sono dei biscotti secchi ricoperti con i semi sesamo , un ingrediente molto presente nella gastronomia siciliana.

Nate precisamente a Palermo, questi biscotti sono diffusi in tutta la Sicilia con nomi diversi oltre a regina o reginella, come ” i viscotta ca giuggilena” o “viscotta ‘nciminati”   ( biscotti con i semi di sesamo).

Sono ottimi da soli o con un buon caffè, ma la tradizione li vede accompagnati ad un dopo pasto con un ottimo bicchiere di zibibbo siciliano.

Reginelle Siciliane

Piccoli biscotti secchi ricoperti da semi sesamo, facente parte della tradizione dolciaria siciliana . 

Piatto Biscotti
Cucina Italian
Preparazione 10 minuti
Cottura 15 minuti
Riposo In Frigo 30 minuti
Tempo totale 25 minuti
Porzioni 20 pezzi

Ingredienti

  • 250 gr di Farina 00
  • 80 gr di Burro Freddo
  • 1 uovo
  • 2 gr di Ammoniaca per Dolci
  • 20 gr di Latte
  • Un pizzico di sale
  • 150 gr di Semi di Sesamo
  • q.b. di Latte

Istruzioni

  1. Lavorate con le punte delle dita e velocemente  la farina con il burro freddo a pezzetti. Dovrete ottenere un effetto sabbioso. Aggiungete il sale, l'ammoniaca, e l'uovo sbattuto leggermente con i 20 gr di latte.  

    Lavorate l'impasto fino ad ottenere un composto morbido e compatto. Coprite con pellicola e lasciate riposare una mezz'oretta in frigo.

  2. Amalgamate i semi di sesamo  con un po di latte ( circa 4 cucchiai), fate si che si bagnino per bene tutti i semi, e lasciate riposare. Questo agevolerà il fissaggio dei semi all'impasto.

  3. Trascorso il tempo del riposo, tirate l'impasto fuori dal frigo e dividetelo a metà. Stendete la prima parte, su un piano leggermente infarinato,  formando un rettangolo dallo spessore di quasi un centimetro.  Con l'aiuto di un coltello  formate tanti piccoli rettangoli 3 x 2.  

    Fateli rotolare i rettangoli delicatamente tra i semi di sesamo, in modo che si fissino bene all'impasto,  poggiateli su carta forno. Continuate cosi con l'impasto restante.

  4. Infornate a 180° (forno preriscaldato) per 15 minuti. 

     Sfornate, fate raffreddare sulla griglia e gustate. 

Note

La ricetta originale prevede l'utilizzo dello strutto al burro.

Potete conservarli per circa una settimana, in un contenitore di latta.

 

Recent Posts

Frittata di zucchine stracchino e basilico

La frittata di zucchine è una ricetta classica facile e veloce da preparare: ho voluto rendere questa frittata di zucchine…

2 mesi ago

Hotel Faloria a Moena

Durante la mia permanenza a Moena ho soggiornato presso l'Hotel Faloria una delle strutture alberghiere più antiche di tutte le…

2 mesi ago

Moena la Fata delle Dolomiti

  Moena, nota anche come la Fata delle Dolomiti è senza dubbio una delle località più belle e conosciute delle…

2 mesi ago

Cabras, la Sardegna dei fenicotteri e della sabbia al quarzo

La Sardegna rimane per sempre scolpita nella memoria sin dalla prima visita che le facciamo. Sia che siamo bambini o…

3 mesi ago

Lago di Como: cosa fare a Faggeto Lario

Se sognate di visitare il Lago di Como e non sapere dove andare e come muovermi, allora impostate su maps:…

3 mesi ago

Filario: un’oasi con vista sul lago di Como

C'è un posto sul Lago di Como che regala quel senso di pace e relax assoluti nel momento in cui…

3 mesi ago