A Gennaio 2018 ha aperto a Firenze Gucci Osteria, un ristorante intimo e peculiare dello chef di fama mondiale Massimo Bottura.

La partnership è nata dall’amicizia d’infanzia tra il CEO di Gucci Marco Bizzarri e lo chef stellato Massimo Bottura. Celebrano qui con questo gioiello il loro amore condiviso per il cibo. Proprio a Firenze città di grande importanza per entrambi.

Il direttore creativo Alessandro Michele ha concepito quindi l’Osteria all’interno del Gucci Garden, l’eclettico palazzo in Piazza della Signoria, il luogo di nascita della Casa.

Il Gucci Garden ospita gallerie di archivi e boutique con pezzi e prodotti firmati Gucci non disponibili altrove. Un luogo che rappresenta la cultura rinascimentale, un crogiolo di creatività e delle menti più innovative del tempo.

Questi temi sono di enorme importanza per  l’approccio di Gucci Osteria, un luogo che miscela culture differenti dalla creatività all’avanguardia.

Al timone della cucina del Gucci Osteria la migliore chef donna under 40 del 2019 Karime Lopez, nata in Messico con alle spalle esperienze di cucine stellari in tutto il mondo.

Cresciuta in una famiglia amante del cibo, proprietari di diversi ristoranti tradizionali a Città del Messico. Tuttavia la sua passione per l’arte la condusse a Parigi dove studiò alla Sorbonne. Si fermava regolarmente nelle boulangerie della città e si innamorò dell’arte della pasticceria. Si trasferì poi alla scuola di cucina in Spagna prima del suo primo lavoro nella cucina stellata di Santi Santamaria.  La sua carrierea e formazione l’hanno portata ovunque nel mondo, da Tokyo a Copenhagen. Incontrò colui che diventò suo marito Takahiko Kondo, sous chef all’Osteria Francescana di Massimo Bottura. si trasferì in Italia e lavorò con lui alla stesura del suo libro ‘Il pane è Oro’, grazie al loro comune amore per le arti.

 

Il menu di Karime è naturalmente il risultato delle sue variegate esperienze attorno al mondo, così come le origini del suo staff, la sua passione per l’arte, la musica e il bagaglio immenso dei suoi viaggi culinari. Fondamentale per lei anche l’eco culturale rinascimentale del Gucci Garden.

Lei ama sfidare la percezione tradizionale della cucina italiana, investendo di creatività i piatti classici. Il suo ‘Purple Corn Tostada’ riflette la sua eredità Messicana: la serve con avocado marinato e con sentori di spezie e agrumi.

Il ‘Taka Bun’ è un tributo a suo marito e a quello che intendono per comfort food quando sono a casa: pancetta croccante agrodolce ricoperta di salsa di miso balsamico per il sesto gusto, umami.

Con i suoi Tortellini Massimo Bottura firma un piatto italianissimo della sua infanzia. Il suo leggendario burger evoluto a elezione italiana con cotechino e Parmigiano ricoperto con due salse: una salsa verde e una maionese con aceto balsamico di Modena, il tutto confezionato nella scatola rosa griffata Gucci per il takeaway. Omaggia anche l’amore smisurato di suo figlio per il cioccolato con il suo dessert ‘Charly’s Sandwich’.

Made in Italy dell’ Osteria Gucci anche la mise en place: le porcellane  Richard Ginori dipinte a mano con il motivo Herbarium di Gucci.

TAKA BUN

Franco’s Salad

Grapefruit Spritz Sorbet with fruit salad

The Forbidden Apple

Bergamot Love

Emilia Burger

Charley Marley

GUCCI OSTERIA

error: