Chiacchiere di carnevale

Frappe, crostoli, cenci, bugie, galani… tanti nomi per indicare un’unica preparazione: le chiacchiere di carnevale. Ovvero delle sottilissime e croccanti sfoglie di pasta fritte e ricoperte di zucchero a velo, tipiche del periodo di carnevale.

Come molti altri dolci di carnevale, anche le chiacchiere sono e devono essere rigorosamente fritte, anche se non mancano le versioni più “dietetiche”, al forno.

In verità, come sempre, una buona frittura, se ben fatta, non è da demonizzare. Con questa ricetta imparerete a realizzare delle chiacchiere perfette, leggere, croccanti e asciutte.

Di base, la ricetta delle chiacchiere è molto semplice e sempre la stessa: farina, uova, zucchero e un liquore per profumare l’impasto. Quella che vi lascio qui però è la ricetta di un maestro della pasticceria italiana, ovvero Iginio Massari, che ha sostituito la classica farina 00 dell’impasto con della manitoba.

Ed è proprio questo il segreto di queste chiacchiere. La manitoba, infatti, essendo ricca di proteine, si gonfia tantissimo in cottura e assorbe poco olio, rendendo il fritto leggero e asciutto.

L’altro segreto sta nel riposo dell’impasto. Grazie al riposo – che può durare anche tutta la notte, anzi, sarebbe l’ideale – la maglia glutinica si distende e sarà più semplice e agevole tirare la pasta prima di friggerla.

Insomma, come capita spesso, anche nelle ricette della tradizione più semplici, quando c’è lo zampino di un grande maestro come Massari, il risultato è sempre perfetto!

Ricetta di Iginio Massari tratta dal blog La mamma cuocò

Chiacchiere di Carnevale

Ingredienti

  • 400 g farina manitoba
  • 100 g farina 00
  • 175 g uova
  • 60 g burro fuso e freddo
  • 60 g zucchero
  • 70 ml marsala o amaretto
  • 1 limone (scorza)
  • 1 pizzico sale
  • 2 litri olio di semi di arachide
  • qb zucchero a velo

Istruzioni

  1. Unite nella ciotola della planetaria o su un piano di lavoro le farine, lo zucchero e il pizzico di sale. Fate la fontana al centro e unite la scorza del limone grattugiata, il burro fuso e freddo, le uova e il marsala.

  2. Iniziate a lavorare il composto - con la foglia se usate la planetaria o con una forchetta se impastate a mano. Lavoratelo fino a ottenere un panetto liscio e uniforme. Se dovesse essere secco, aggiungete un altro goccio di marsala. Formate una palla, coprite con pellicola e fate riposare in luogo fresco per almeno un'ora o anche più (maggiore sarà il riposo, migliore sarà il risultato finale).

  3. Riprendete il panetto e tirate delle sfoglie sottilissime. Vi consiglio di utilizzare la macchina per la pasta e di tirare la pasta allo spessore minimo possibile (a 1), perché più le chiacchiere saranno sottili più diventeranno leggere e croccanti, una volta cotte.

  4. Una volta tirate le sfoglie, con una rotella tagliapasta ricavate dei rettangoli e praticate un taglietto al centro (questo impedirà alla chiacchiera di diventare un'unica enorme bolla, in cottura).

  5. Scaldate l'olio in una casseruola capiente. Quando sarà arrivato a temperatura (circa 170 gradi) iniziate a friggere le chiacchiere 4-5 alla volta. Non appena si gonfieranno e saranno leggermente dorate, giratele con l'aiuto di due forchette e fatele dorare anche dall'altro lato. Ci vorranno pochissimi minuti. Non cuocetele troppo o diventeranno dure e secche. 

  6. Scolate le chiacchiere su un vassoio con carta assorbente e fate raffreddare leggermente. Quindi trasferitele in un piatto e spolverizzatele con abbondante zucchero a velo.

  7. Procedete allo stesso modo fino a esaurimento dell'impasto.

E da voi come si chiamano questi dolci tipici di carnevale? E che ricetta usate per prepararli?

Recent Posts

Easter matcha cupcake

Il colore delicato del tè matcha si sposa bene con le festività pasquali, fatte di colori pastello che richiamano la primavera.…

8 ore ago

Campana di sfoglia: dolce veloce per Pasqua

Questa campana di sfoglia è un dolce facilissimo e velocissimo da preparare anche all'ultimo minuto per Pasqua: vi servirà solo…

1 giorno ago

Home&Living, la casa a portata di un click

La primavera è la stagione di rinascita e cambiamenti per antonomasia; le pulizie di Pasqua delle nostre nonne volevano dire…

1 giorno ago

Ifoodies Award 2019: Premiato il bistro Aimo e Nadia

Il BistRo Aimo e Nadia, realtà milanese nata dall’incontro tra la cultura della gastronomia italiana e quella del design delle due…

2 giorni ago

Biscotti pasquali al caffè e alla vaniglia

È tempo di biscotti e visto che ci avviciniamo a Pasqua l'ispirazione che ne è derivata è stata per questi…

2 giorni ago

Penne con asparagi e trota

16Le penne con asparagi e trota sono un primo piatto ottimo per chi vuole seguire una dieta ipocalorica. La trota…

3 giorni ago