“Parigi è sempre una buona idea” diceva la favolosa Audrey Hepburn, ma la Francia è ricca di città magiche, piene di storia e cultura con un lato romantico e bon ton. Una tra queste è Nancy, capoluogo del dipartimento della Meurthe-et-Moselle, in Lorena, conosciuta come capitale dell’Art Nouveau.

Nancy è una città fruibile, moderna, multietnica, culturale, universitaria e con un quid in più. Per iniziare ha una grane particolarità: la sua collocazione geografica. Difatti, essa è posizionata in modo da tagliare perpendicolarmente la confluenza dei fiumi Meurthe e Moselle unendo il Reno alla Merna, attraverso un canale navigabile che consente al turista di scoprire la città da un punto di vista differente.

Place Stanislas è considerata la piazza reale più bella e grande d’Europa (106 m per 124 m) . Divenuta patrimonio mondiale dell’ UNESCO nel 1983.  La statua al centro della piazza è stata realizzata dall’architetto Emmanuel Héré sotto richiesta del duca Stanislao come Place Royale in onore del genero Luigi XV.

 

Nancy ha un eccezionale patrimonio storico e architettonico per questo, passeggiando tra le sue strade, offre la possibilità di scoprire tre periodi:

1.il Medioevo, presente nella parte vecchia della città e nelle stradine che circondano la basilica di Saint Epvre e la porta de la Craffe;

2.il XVIII secolo, tramite una delle piazze più grandi di Europa: Place Stanislas , alla quale vanno aggiunte Place del la Carrière e Place d’Alliance;

3.il 900, per mezzo della Scuola di Nancy che consente di riscoprire edifici e case in stile Art Nouveau, come la brasserie Excelsior o la Camera di Commercio e dell’Industria.

Questa ridente cittadina è perfetta per una vacanza in famiglia, per un week-end romantico e per chi adora la cultura. Grazie alla sua modernità è accessibile anche a chi convive con una disabilità motoria rendendogli la vita più facile negli spostamenti (tram e bus offrono posti speciali per le carrozzelle e piattaforme per discesa e salita), e anche ingressi agevolati in musei e tanti edifici. Dal punto di vista delle intolleranze, invece, non è possibile mangiare ovunque. Quindi celiaci e intolleranti alle proteine del latte dovranno prestare tanta attenzione e selezionare per bene ristoranti e alberghi.

COSA VEDERE:

  • L’insieme architettonico del 18 ° secolo, patrimonio mondiale dell’UNESCO, composta da: Place Stanislas, il sito di Alleanza, Place de la Carrière.
  • La porta Craffe del 14 ° secolo.
  • Il Palazzo Ducale complesso del 15 ° secolo con il suo Museo Storico di Lorrain.
  • La chiesa francescana del 15 ° secolo.
  • La Scuola Nancy, un museo dedicato all’arte Nouveau Nancy (opere di Gallé, Daum, Majorelle …)
  • Il Museo di Belle Arti, qui si trovano raccolte anche le sculture di Daum, una delle cristallerie più note e importanti nel mondo.
  • L’Orto Botanico Monet
  • Il parco de la Pépinière, ove al suo interno è presente un piccolo zoo da visitare gratuitamente.
  • L’acquario
  • Il Museo del ferro.
  • Il canale che attraversa la città.
  • Il Teatro.

COME ARRIVARE:

  • in AEREO (prezzi variabili a seconda dalla stagione, dalla compagnia aerea e dalla zona di partenza da circa 20 euro sino a 400 euro) è possibile con volo diretto, senza effettuare cambi, atterrare a : Parigi (spostamento verso Nancy con treno ad alta velocità o bus. I biglietti , se acquistati con largo anticipo, hanno prezzi modici anche a partire da 15 euro), Lussemburgo (da qui si può prendere un bus navetta che conduce in stazione ove sarà possibile raggiungere Nancy in treno. In alternativa tramite bus. Anche qui i biglietti possono essere acquistati ad un prezzo base di 15-20 euro circa) . Belgio (spostamento in bus all’incirca 6 ore di viaggio con prezzi che si aggirano sui 25-36 euro) o Francoforte (il bus parte dall’aeroporto e porta a Nancy ad un prezzo che si aggira tra le 20-30 euro).
  • in TRENO , un viaggio bello e fattibile solo per chi desidera scoprire altre città arrivando a destinazione. Se volete effettuare questo genere di percorso vi consiglio l’acquisto di un pacchetto interrail, risparmierete offrendovi la possibilità di fermarvi lungo la strada scoprendo tante altre città.
  • in BUS . Sono diverse le aziende italiane e non che effettuano viaggia a lunga percorrenza con partenze anche dal sud Italia, sino a Nancy o Metz (in questo caso basterà raggiungere la stazione e giungere a Nancy in treno, il biglietto costa all’incirca 7 euro).

COSA FARE:

  • Tanto shopping sfrenato nei vari negozietti del centro città, ma anche nelle gallerie e ipermercati ove è possibile trovare di tutto.

  • Pranzo al mercato coperto. Dal martedì al sabato, in questo delizioso e super fornito mercato, sarà possibile scoprire le tipicità e anche trovare prodotti di nicchia provenienti da ogni parte del mondo. Tra un assaggio e qualche regalo pranzare in uno dei piccoli Bistrot sarà un esperienza indimenticabile.

  • Coccola in cioccolateria. La città è colma di laboratori ove l’arte si unisce alla bontà regalando praline e cioccolatini deliziosi, macarons, éclair, babà e Napoleon. 

  • Giornata allo stadio. Se siete fortunati ed amate il calcio potete godervi una bella partita di seria A in quanto, la squadra della città, gioca contro le migliori equipe della Francia.
  • Nancy Festival. Durante il mese d’agosto Piazza Stanislas si anima regalando uno spettacolo indimenticabile attraverso luci, suoni e la storia della sua nascita.

Nella città dell’Art Nouveau la noia non esiste tra una passeggiata romantica lungo il canale, una visita allo zoo, la scoperta di tanti musei, il buon cibo unito al puro divertimento la voglia di tornare è assicurata. E se passate di qui ricordatevi di assaggiare il liquore di Mirabelle, il bergamotto e il macaron di Nancy, ricetta tramandata da generazione in generazione di pasticceri e che, con la nostra bella Italia, si contende la paternità di questo dolce.

 

error: